Ultime notizie Serie A, Allegri presenta Juventus-Cagliari – La Juventus è pronta per il rush finale. Altre tre partite nei prossimi nove giorni, contro Cagliari, Manchester United e Cagliari per chiudere il ciclo di ferro. Poi la pausa per le Nazionali e la ripresa fissata per il weekend del 25 novembre. Ma il tutto inizia domani sera, sabato 3 novembre alle ore 20:30 col match contro i rossoblu di Rolando Maran. Un match che non andrà sottovalutato dai bianconeri, dato che il Cagliari esprime un buon calcio e ha alcune individualità di tutto rispetto.

Le parole di Allegri in conferenza stampa          

In vista della sfida dell’Allianz Stadium, il tecnico Massimiliano Allegri ha presentato il match on conferenza stampa: “Chiedo di vincere la partita. La dimostrazione si è vista anche a Empoli, dove abbiamo avuto delle difficoltà: vincere non è mai facile. E per le avversarie, farlo contro la Juventus è sempre un traguardo importante. Le gare vanno conquistate sul campo, non possiamo permetterci di lasciare punti per strada. Inter e Napoli ci sono dietro. In campionato ci vuole molta più attenzione e concentrazione, a differenza dalla Champions. Abbiamo dei cali di tensione pericolosi che possono farci perdere il campionato. Saranno tre gare in una settimana: Cagliari, Manchester United e Milan. Ma veniamo da una buona settimana e siamo riposati”.

Allegri parla del Cagliari: “Il Cagliari sarà un avversario difficile. E’ la squadra che corre di più nel campionato ed è pericolosissima in area. Dobbiamo vincere e prepararci alla gara di mercoledì. Il Cagliari è una squadra molto veloce e ha davanti Pavoletti, che è molto forte sulle palle inattive. Barella? Lui, come Bernardeschi, Romagnoli, Rugani e altri giovani, saranno il futuro della Nazionale”.

Allegri vota Barcellona per la Champions

Sul pensiero di giocare e vincere la Champions League, Allegri commenta: “Abbiamo fatto due finali in quattro anni, senza dimenticare Monaco di Baviera e Madrid. Per vincere ci vuole anche un pizzico di fortuna. Se mi sento un privilegiato? No, mi sento l’allenatore di una squadra che può vincere la Champions, ma non è scontato che si vinca. Quest’anno, la candidata a vincerla è il Barcellona. Noi siamo tra le prime quattro, ma ci vuole calma. Perciò ora testa al Cagliari”.

Credits Foto: gazzetta.it

Comparazione quote

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here