Il nove volte campione del mondo Valentino Rossi quest’oggi è stato autore di una bellissima gara in rimonta eseguita sul circuito del Red Bull Ring di Spielberg. Il pilota di Tavullia, in sella alla Yamaha Movistar, dopo la partenza in 14esima posizione (ottenuta da qualifiche disatrose), è riuscito a rimontare ed a chiudere al sesto posto al Gran Premio d’Austria 2018.

Per quanto riguarda la classifica iridata piloti resta fisso al secondo posto (a quota 142 punti) alle spalle del campione del mondo in carica Marc Marquez (oggi secondo dietro il vincitore Lorenzo e davanti a Dovizioso).

Valentino Rossi, le dichiarazioni post-gara

Di seguito le parole rilasciate a fine gara dal pilota della Yamaha ufficiale:

“La differenza con i primi tre è stata grande. Questa era una pista dove sapevamo di soffrire di più, ma è tutto l’anno che quei tre, se sono a posto e non sbagliano sono più veloci. Noi siamo la Yamaha ufficiale, dobbiamo guardare a loro. Per il resto è stata una buona gara. Abbiamo fatto una modifica al setting questa mattina che mi ha aiutato ad essere più costante”.

Il pesarese ha poi aggiunto:

“Partivo molto indietro e sono stato sfortunato perché ho rotto venerdì mattina, ed era l’unico turno per entrare nei dieci. Se fossi partito più avanti avrei potuto battagliare con Petrucci. Però da Crutchlow in su andavano più forte. Quest’anno sono salito 5 volte sul podio. Sono andato forte in Qatar e al Sachsenring, gli altri podi invece sono arrivati perché uno dei tre di oggi o era caduto o non era a posto, si spiega anche così il secondo posto in campionato. Al momento non siamo abbastanza veloci per il podio. Ci sono piste dove soffriamo di più e altre dove soffriamo meno, per esempi a Brno ho battuto Crutchlow mentre qui non ci sono riuscito.”

Valentino Rossi ha così concluso l’intervista parlando della situazione punti:

“Secondo me la Yamaha ha i suoi punti di forza, ma è una questione di approccio. Gli altri rischiano di più, ci provano, investano di più. Magari di 4 cose che provano una ne azzeccano. Però ne abbiamo già parlato tanto, già nelle altre gare ho sempre detto quello che pensavo e adesso la situazione è questa. Sappiamo dove migliorare. Ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Secondo me adesso non si parla di moto nuova del prossimo anno, siamo qui per migliorare durante la stagione e bisogna pensare adesso a risolvere i problemi. Il regolamento è uguale per tutti quindi dobbiamo in qualche modo farcela anche noi.”

Credits Foto: sportfair.it

Comparazione quote

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here