Bologna, Donadoni lascia la panchina rossoblu – Roberto Donadoni lascia Bologna dopo tre stagioni. Arrivato in panchina il 28 ottobre del 2015, per sostituire l’esonerato Delio Rossi, ha collezionato 104 presenza sulla panchina dei felsinei in Serie A. Ma adesso il futuro sarà lontano da Bologna. Nelle ultime settimane il tecnico era stato sempre vago, rimandando ogni discorso a fine stagione:

“Io proseguo a lavorare, se poi ci saranno valutazioni diverse da quelle fatte fino ad ora ne parleremo con serenità. In questi tre anni ho fatto quello che mi è stato chiesto, raggiungendo sempre con anticipo la salvezza, poi è ovvio che si può e si deve migliorare. Sono arrivato con la squadra in difficoltà e ci siamo salvati bene a fine campionato. Negli ultimi due anni l’obiettivo primario è arrivato senza particolari affanni, sappiamo come abbiamo lavorato e ciò che abbiamo fatto. Il futuro? Saputo farà le sue valutazioni ma il rapporto con la società non è cambiato”.

L’incontro con Saputo e la decisione di separarsi

E nell’incontro andato in scena in queste ore tra il presidente Joe Saputo e Donadoni, la decisione di comune accordo è stata quella di dirsi addio, come riportato su Gazzetta.it. La decisione è arrivata dopo l’ultima deludente stagione nonostante l’obiettivo raggiunto della salvezza e per il rapporto con i tifosi ormai incrinato.

Chi arriva al posto di Donadoni?

Adesso in casa Bologna è partito il toto allenatore. In pole position al momento ci sarebbe Filippo Inzaghi, attuale allenatore del Venezia ancora impegnato nei playoff di Serie B. Ma tra i papabili ci sarebbero anche Giovanni Stroppa, reduce da una buona stagione alla guida del Foggia, e Roberto De Zerbi che ha dato l’addio al Benevento. Una decisione finale verrà presa in questi giorni, dopo alcuni incontri che verranno effettuati tramite il direttore sportivo Riccardo Bigon.

Credits Foto: europacalcio.it

Comparazione quote

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here